Un nuovo squardo,
una nuova vita

CATARATTA

Percepisci i colori sbiaditi?
Hai la visione leggermente offuscata?
Vedi aloni intorno alle luci?
Hai difficoltà visiva notturna?

La cataratta è una progressiva perdita di trasparenza del cristallino con la conseguente diminuzione della vista.

La malattia può interessare uno oppure entrambi gli occhi e si sviluppa lentamente con l'aumentare dell'età. La trasmissione della luce attraverso il cristallino opaco verrà parzialmente alterata e la visione diventerà opaca, nebbiosa e indistinta.

I sintomi della cataratta possono essere anche indicativi di altre patologie oculari, per cui se il paziente ne presenta alcuni, dovrebbe effettuare una visita per accertarne la causa.

La cataratta in fase iniziale può non provocare alcun sintomo e tende a svilupparsi lentamente cosicché la perdita visiva è di solito graduale, non improvvisa.

La cosa migliore è sempre affidarsi a mani esperte ed effettuare una visita di controllo.

PRENOTA LA TUA VISITA

COSA SI PUO’ FARE?

Per le cataratte iniziali può essere sufficiente cambiare gli occhiali. Quando si opacizza occorre procedere alla sua rimozione chirurgica e al posizionamento di una lente artificiale sostitutiva.

La correzione con occhiali può solo in parte e temporaneamente migliorare la vista del paziente.

La chirurgia della cataratta è una delle operazioni più comuni effettuate al mondo, ed anche una delle più sicure ed efficaci. Più del 90% dei pazienti operati ha una visione dopo l’ intervento migliore di quella precedente.

PERCHE’ SCEGLIERE LAVISTA

LAVISTA è in grado di analizzare con cura, ed in maniera completa, le problematiche del paziente e la grande professionalità del suo staff, oltre alla comprovata esperienza, seguendo il problema dalla sua analisi fino al decorso postoperatorio per garantire al meglio la sicurezza e il risultato.

La grande esperienza del dott. Dario Surace, referente chirurgo di LAVISTA, è garanzia di qualità, affidabilità e sicurezza.

“Ogni uomo confonde i limiti del suo campo visivo
con i confini del mondo.”